ASANA

1 ROGRAMMA 16 settimane fine 2013

Settimana 03 dal 16 al 19  settembre 2013

ASANA    POSIZIONI A lato le posizioni del saluto al sole con le quali inizio ogni lezione di Yoga.METADATA-/scanq/scantofile0109.tif

Non è una ginnastica costituita  da sforzi,  sudore e dinamica, ma da movimenti lenti e di equilibrio per arrivare a posizioni fino a raggiungere i  propri limiti naturali, per sentire bene le ossa, le articolazioni, i legamenti ed il sistema nervoso preposto alla sensibilità esterna e interna, al moto anche molto piccolo, minuto, lento ed involontario.

A DOMANDA IL CORPO RISPONDE ED AIUTA A RISOLVERE MOLTI PROBLEMI fisici e mentali

 Hatha Yoga, (1) la forma più classica delle pratiche yogiche conosciute in occidente. Basata sulla pratica di posture (le Asana (2)) e di esercizi di respirazione (Pranayama), permette di prendere coscienza del proprio corpo e delle emozioni in una nuova consapevolezza libera dai condizionamenti della vita quotidiana. L’asana in questo modo diventa uno strumento con duplice funzione, esercizio fisico per migliorare elasticità e benessere del corpo ed esercizio mentale perché pone nella condizione di osservare se stessi e di capire come relazionarsi di fronte alle difficoltà per superarle. La seduta yoga è quindi un momento aperto a tutti senza limiti di età e di condizione fisica, e anche se come in tutte le discipline esiste un percorso sul quale muoversi e progredire.

Basta andare su qualsiasi sito internet relativo allo Yoga per trovare immagini di posture molto varie con didascalie più o meno corrette dal punto fisiologico ed a volte di fantasia-

La modalità, con la quale propongo le posizioni, in sala sono molto semplici , non cortonsionistiche, esibizionistiche o faticose, perché non mi interessa ne il culturismo ne le terapie dimagranti per le quali vale soltanto l’attenzione alla propria sensibilità e quindi ancora l’insieme dello Yoga. Quindi per ogni posizione richiamo l’attenzione su qualche parte del  corpo in modo di sentire alla fine anche il sistema nervoso, che è preposto alle funzioni, personali ed anche alla percezione dei 5 sensi  esterocettivi e i sensi  propriocettivi (3) ed rapporti con il nostro prossimo.

Le lezioni in sala incominciano sempre con una o più sequenze del saluto al sole (Srya namascara) a 12 o 24 posizioni. le posizioni eccedenti le 12 sono alcune  tradizionali ed una di mia invenzione, perfezionata durante il lavoro con gli anziani, adatta a sbloccare le peggiori situazioni della  schiena. (vedere quì sotto)24x2 ridotto.

 

 (1) Hatha  deriva da ha=sole=hara= centro solare, un grosso ganglio nervoso che è posto tra ombelico e spina dorsale e presiede alle funzioni vitali del feto e poi intestinali, mentre tha significa luna. Quindi Hatha vuole esercitarci nelle posizioni contrapposte che può assumere il corpo compatibilmente con le possibilità personali per trovare la via di mezzo ideale e fisicamente più equilibrata.

(2)-Asana: vuol dire bastone e si riferisce alla spina dorsale perché questa viene variamente stimolata in modo antero-posteriore o laterale.

(3)sensi propriocettivi,  sensibilità propriocettiva, recepisce i segnali posizionali provenienti dall’interno del corpo, esclusi i visceri, in particolare dal sistema muscolo-scheletrico;

     sensibilità viscerale, riceve gli stimoli dagli  organi interni;

sensibilità profonda, raccoglie segnali profondi, provenienti ad esempio da aponeurosi, muscoli e ossa, che veicolano stimoli vibratori, pressori profondi e dolorifici profondi.

Si prega di logarsi e fare delle osservazioni,  anche critiche, proposte di modifiche e correzione di errori GRAZIE       OM

ultima modifica 20131010 ore 17

Lascia una risposta