EMOZIONI

Orig.src_.Susanne.Posel_.Daily_.News-13-21664-large-b12e81ec59ec77bd24c6abc7cf6a221346ed3bdd-s3-c85[1]Chiudi gli occhi e immagina l’ultima volta che ti sei innamorato . Forse  stavi camminando accanto alla tua fidanzata in un parco e osservavi la situazione. Intorno.
Dove hai sentito l’amore ? Forse hai le farfalle nello stomaco o il tuo cuore galoppa.
Quando una squadra di scienziati in Finlandia ha chiesto alla gente di tracciare dove essa sentiva emozioni diverse sui loro corpi, hanno raccolto i risultati li hanno visti sorprendentemente coerenti , anche attraverso le diverse culture .
Le persone reclutate hanno segnalato la felicità e l’amore percepite attraverso quasi tutto il corpo, mentre la depressione ha avuto l’effetto opposto : dando sensazioni di freddo umido nelle braccia, gambe e testa. , I volontari hanno detto che pericolo e paura hanno innescato forti sensazioni nella zona del torace . La rabbia è una delle poche emozioni che  hanno attivato le braccia . Gli scienziati sperano che le rappresentazioni corporee siano un giorno di aiuto psicologi per diagnosticare o curare disturbi dell’umore . “Dice Lauri Nummenmaa , uno psicologo presso Aalto University che ha condotto lo studio “. Il nostro sistema emozionale del cervello invia il segnale al corpo in modo che possiamo affrontare la nostra situazione “… ” Diciamo che si vede un serpente e si sente paura “, dice Nummenmaa . ” Il tuo sistema nervoso Aumenta ossigeno ai muscoli e aumenta la frequenza cardiaca in modo da poter affrontare la minaccia . E ‘un sistema automatizzato . Non abbiamo pensarci . ” Per cercare di capirlo , Nummenmaa e la sua squadra intrapresero  un esperimento con un semplice computer con circa 700 volontari provenienti da Finlandia, Svezia e Taiwan.
La squadra ha mostrato i volontari due sagome in bianco di una persona su uno schermo e poi ha detto ai soggetti di pensare a una delle 14 emozioni : amore , disgusto , rabbia , orgoglio , ecc I volontari poi hanno  verniciate parti dove del corpo si sentiva stimolato dal fatto emozionale..
” La gente trova l’esperimento molto divertente . ‘Abbastanza divertente , ” dice Nummenmaa Shots . ” Abbiamo tenuto le domande online in modo da realizzare l’esperimento da soli . Non tutti hanno dipinto ogni emozione allo stesso modo . Ma quando la squadra ha fatto la media delle mappe messe insieme, gli schemi delle forme emersi per ogni emozione, il team ha potuto pubblicare la sensazionale  tesi delle mappe Lunedi era negli Atti della National Academy of Sciences .
La squadra ritiene checi  siano tranquille coincidoenze con le risposte fisiologiche che si verificano con le emozione .
Ma gli studi precedenti hanno segnato cambiamenti nelle sensazioni corporee in seguito a disturbi dell’umore , dice Nummenmaa . “Per esempio, le persone affette da depressione hanno talvolta dolore al petto”.
E c’è anche qualche prova quando si cambia il proprio linguaggio del corpo – come la postura o la posizione – si può cambiare la tua mente
Il neuroscienziato Antonio Damasio , non coinvolto in questo studio , dice di essere “felice ” delle  scoperte di Nummenmaa perché offrono maggiore sostegno per quello che è stato valutato finora e  suggerito  per anni : Ogni emozione attiva una serie distinta di parti del corpo e il riconoscimento di quei modelli ci aiuta a identificare il funzionamento della mente
” La gente guarda le emozioni come qualcosa in relazione ad altre persone”, Damasio , che è un professore presso la University of Southern California , dice. ” Ma le emozioni sono il modo con cui interpretiamo e il modo in cui trattiamo l’ambiente – Minacce e opportunità ” Per cui, Damasio dice , è necessario conoscere il vostro corpo e la vostra mente

Le emozioni ci partano attraverso il corpo: ognuna dà vita a una specifica sensazione su  una diversa parte di noi ed è attraverso queste sensazioni che possiamo percepirla consciamente. A disegnare per la prima volta questa mappa che comprende felicità, tristezza, invidia e ansia ecc.è stato un team finlandese dell‘Universita Le emozioni – spiega la ricerca appena pubblicata sulla rivista «Proceedings of The National Academy of Sciences» – rappresentano lo strumento per adattare i nostri stati mentali e corporei ai cambiamenti dell’ambiente intorno a noi. Cosi, se fuori di noi succede qualcosa e per esempio percepiamo una fonte di pericolo, nella nostra mente monta rapidamente un moto di ansia che percepiamo con un vero e proprio peso sul petto. Ed è proprio questa sensazione che ci dà la percezione conscia di ciò che stiamo provando. Le prove sono arrivate dai test su 700 individui scelti in Finlandia Svezia e Taiwan: Prima sono stati indotti diversi stati emotivi e poi sono state date loro delle foto del corpo umano, chiedendo di colorare le parti di sé che sentivano accendersi e spegnersi in risposta all’emozione suscitata, è emerso che l’ansia attiva sensazioni nel petto, l’invidia, infuoca il volto, la rabbia si sente su petto, pugni e viso, mentre l’amore si avverte come un calore diffuso.  «Al momento – ha spiegato Nummenmaa – ci siamo concentrati sulla forza statistica dei risultati, ma in seguito andremo più nel dettaglio delle diverse sensazioni corporee suscitate. Ma l’aspetto più affascinante dei nostri risultati aggiunge è lo strettissimo legame tra il corpo e la mente: le emozioni non sono soltanto rappresentate nel cervello, ma anche direttamente nel corpo. Questa correlazione spalancherà nuove vie per riuscire a capire le funzioni dei sistemi emotivi e anche la psicopatologia indotta dalle emozioni stesse. Per di più è interessante che stati emotivi basilari come la rabbia e la p aura. ,i cui le persone fanno esperienza con stati mentali specifici e definiti, siano associati ad altrettanto specifici e definiti schemi corporei. Che sono culturalmente universali». Ciò significa, conclude il ricercatore finlandese, che «te emozioni hanno precise basì biologiche ed evoluzionistiche.

La stampa  Tutto scienze pag 25  2014-01-15

La proposta  dello Yoga apaia è  di sciogliere gli stati emotivi localizzati in specifiche parti del corpo, sotto forma di contratture muscolari e dilatazioni o contrazione dei capillari (sensazioni di calore o di freddo)  con posizioni di flessioni e di torsioni del corpo e della spina dorsale, con le respirazioni e con massaggi. Anche la aumentata sensibilità zonale prodotta dalle ” posture non di tutti i giorni” aiutano ad attivare prontamente dei cambiamenti di postura atti a non protrarre nel tempo le emozioni negative.

Lascia una risposta